“Il diritto alla residenza è un diritto soggettivo” Circolare del Ministero dell’Interno

Il 18 Maggio del 2015, il Dipartimento per le Libertà Civili e l’Immigrazione ha emanato una circolare indirizzata alla Questura e al Prefetto di Roma, in cui viene dichiarato illegittimo il rigetto del rinnovo della protezione internazionale per mancanza di una residenza.

Leggi la Circolare-Ministero-dell’Interno

Riportiamo alcuni passaggi importanti presenti nella Circolare.

“Nella prassi emerge, però, che un rilevante numero di cittadini stranieri, anche riconosciuti titolari di protezione internazionale, pur avendo stabilito in un certo territorio comunale il luogo di propria dimora abituale, si trovi a non avere una sistemazione alloggiativa certa, ed invero viva in alloggi di fortuna o addirittura per strada”

“Il diritto alla residenza viene, infatti, preservato nonostante la precarietà della condizione di vita della persona, essendo un diritto soggettivo”

“ai fini del rinnovo del permesso di soggiorno per i titolari di protezione internazionale, non vi è l’obbligo di dimostrazione dell’alloggio né della iscrizione anagrafica”

“va evidenziato che l’assenza di iscrizione anagrafica non può, comunque, rilevare ai fini del predetto rinnovo, in quanto il suddetto titolo di soggiorno, emesso dal Questore del luogo di dimora, è il presupposto per I’iscrizione anagrafica e non anche il contrario.

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s